Chi sei?

Contattaci

Posts Tagged ‘piano di manutenzione’

Nuovo evento sulla climatizzazione a Pordenone!

Climatizzazione e Condizionamento
Benessere delle persone e processi produttivi: quali adempimenti

Pordenone 10/11/2015

climatizzazione-condizionamento

Save the date!

La partecipazione al convegno è gratuita e dà diritto a 3 Crediti Formativi per gli iscritti al Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Pordenone e 4 Crediti Formativi per gli iscritti all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pordenone.

Registrati subito!

Il convegno vuole fare il punto della situazione in merito alla gestione degli impianti di climatizzazione e di condizionamento alla luce delle novità normative e legislative. Durante l’evento verranno affrontati vari argomenti: dal confort nei luoghi di lavoro, alla gestione dei nuovi adempimenti amministrativi per F-Gas e libretto di impianto.

Contattaci per maggiori informazioni.

Bonifica canali aria

bonifica canali aria

La bonifica dei canali aria è indispensabile per una corretta gestione igienica degli ambienti di vita e di lavoro. Tutti gli impianti e le apparecchiature come ad esempio split, cliamtizzatori, unità di ventilazione, … vanno pulite ed igienizzate periodicamente per mantenerle scevre da muffe, batteri, allergeni, polvere, ….

L’azione patogena svolta dai microrganismi infatti è principalmente di tre tipi:

  • azione infettiva
  • azione allergizzante
  • azione tossica

Fino a pochi anni fa si parlava solo di inquinamento ambientale all’esterno, in città o in zona industriale. L’interesse per la misura della contaminazione  dell’aria negli ambienti di vita e di lavoro si è particolarmente sviluppato negli ultimi venti anni. Questo interesse nasce dalla consapevolezza che i microrganismi aerodispersi abbiano potenziali effetti nocivi sulla salute degli individui: si pensi ad esempio ai morti per legionellosi o alle epidemie di influenza….. Prima di effettuare la bonifica dei canali aria è necessario svolgere un sopralluogo utile anche per raccogliere informazioni essenziali per poter stilare un piano di manutenzione programmata.

Il D.Lgs. 81/2008 da chiara indicazione in merito alla necessità di effettuare controlli e verifiche degli impianti aeraulici per la climatizzazione e per il condizionamento. Se gli impianti versano in condizioni igieniche degradate, il testo unico sicurezza indica chiaramente la necessità di eseguire le manutenzioni, pulizie e bonifiche del caso.

Nel momento in cui vengono riscontrate delle contaminazioni si procede con la bonifica dell’impianto attraverso le seguenti fasi:

  1. eliminazione di tutti gli agenti contaminanti riscontrati in fase di ispezione video
  2. bonifica dei canali aria attraverso l’utilizzo di sistema tutelato da brevetto di proprietà di ARIA SPA basato sull’azione dell’aria compressa e della contemporanea aspirazione del particolato asportato;
  3. nebulizzazione di un potente battericida per inibire la crescita di microrganismi.

Contattaci per maggiori informazioni.

Batteri di legionella nei circuiti idrici: indagati 3 dentisti

paura dentista

Indagati a Torino 3 dentisti per violazione del Testo unico sulla Sicurezza. Violazione riscontrata dopo una serie di controlli effettuati dalla ASL To1: questi ultimi hanno trovato colonie di batteri della legionella nei circuiti idrici delle poltrone dei riuniti dei dentisti.

Questo è sicuramente il risultato di una mancata prevenzione, controllando e manutenzionando periodicamente gli di impianti di condizionamento e reti di ricircolo acqua calda negli impianti idrico-sanitari, sanificandoli.

Ecco che la valutazione del rischio riesce a dare indicazioni molto precise in merito allo stato di conservazione dell’impianto e permette al datore di lavoro di individuare le misure di prevenzione e di pianificarne l’attuazione, il miglioramento ed il controllo al fine di verificarne l’efficacia e l’efficienza.

Contattaci per maggiori informazioni.

Aule ben progettate aumentano i progressi nell’apprendimento

bimbi_a_scuola

La nuova ricerca dell’University of Salford di Manchester ha messo in evidenza come la progettazione delle aule scolastiche influisca positivamente i progressi nell’apprendimento degli alunni delle scuole elementari.

Il progetto HEAD (Holistic Evidence and Design) evidenzia come luminosità, corretta temperatura e qualità dell’aria respirata aumentino la capacità di lettura, scrittura e calcolo del 16% in più l’anno.  Lo studio ha preso in esame quasi 4mila alunni dimostrando come con accorgimenti semplicissimi e poco costosi si possa dare un notevole contributo allo sviluppo cognitivo infantile.

Sul fatto della Indoor Air Quality noi di Aria SpA non abbiamo dubbi: come da Testo Unico della Sicurezza, se si lavora o si frequentano ambienti chiusi, questi devono disporre di aria salubre anche ottenuta con impianti di areazione e, dove presenti, la scuola deve dimostrare di aver messo in atto un programma di manutenzione periodica degli stessi.

La salute dei nostri ragazzi non è un optional.

Contattaci per maggiori informazioni.

Muffa dentro casa: attenzione!

muffa-sul-muro

Durante l’inverno, l’ambiente caldo e umido che si crea dentro casa rappresenta l’habitat ideale per lo sviluppo della muffa. Fungo che potrebbe causare diversi problemi di salute e aggravare i sintomi di asma e patologie ematiche.

In casa e negli ambienti chiusi possiamo trovare principalmente l’Alternaria, l’Aspergillus, il Cladosporium e il Penicillium. Tipologie di muffe che provocano gli stessi sintomi causati dalle allergie al sistema respiratorio: naso tappato, prurito a gola e naso, lacrime agli occhi e starnuti.

Come evitare o ridurre la presenza di muffe in casa?
Innanzitutto riducendo il livello di umidità arieggiando e ricorrendo all’uso di un un impianto di ricambio dell’aria con recupero di calore; pulire i materiali duri colpiti dalle spore con acqua, detersivi o candeggina; prestare attenzione ai materiali porosi perchè se la muffa si è infiltrata potrebbe continuare a diffondersi.

Contattaci per maggiori informazioni.